Dr. Giovanni Moscarella - Nutrizionista - Napoli - www.nutrirsi.net

mercoledì 2 agosto 2017

LETTERA AI MEDICI ARROGANTI

Ai medici che si permettono di offendere coloro che non ritengono giusto l'obbligo per 10 vaccini, imposizione che si staglia in tutta la sua assurdità, si chiede:



*** cosa avete fatto voi per rafforzare il sistema immunitario delle popolazioni? 

-I tumori sono in aumento, almeno da quello che emerge dalle vostre statistiche e dalle vostre acute diagnosi. Adesso state allarmando una nazione perché secondo voi una ondata di virus e altri germi sta per mangiare vive le nostre carcasse. Se fosse vero, non dipenderebbe dal fatto che il sistema immunitario delle popolazioni è un colabrodo? E chi doveva diffondere informazioni risolutive per rafforzare le funzioni fisiologiche di noi tutti?

*** cosa avete fatto voi per contrastare l'inquinamento dell'atmosfera che ormai è satura di sostanze elettromagnetiche e di radio-onde? 

-Non avete mai mosso un dito per opporvi a ciò che governi senza scrupoli stavano e stanno ordendo alle nostre spalle... anzi avete deriso chi si preoccupava di certi eccessivi cambiamenti climatici.


*** cosa avete fatto voi per migliorare l'estetica e lo stato di salute delle popolazioni? 

-L'obesità è in grave aumento, così come altre problematiche di tipo patologico, senza contare l'incremento delle forme depressive. 

Voi oltre a scribacchiare geroglifici interpretabili soltanto dai cervelli dei farmacisti e a cantare la solita litania dell'evitare i grassi, i carboidrati, le uova, i formaggi, il sale, i dolci, l'alcol, il fumo, e di bere 2 secchi di acqua al giorno, che tipo di informazioni concrete avete divulgato? Più della metà degli ultracinquantenni prende almeno tre pillole al giorno. Vi sembra questo il buon frutto del vostro operato? Vi siete scordati che il corpo è una macchina che si autorigenera e che più che togliere e togliere sempre, c'è bisogno di mettere nei momenti giusti della giornata tutti i nutrienti di cui l'organismo necessita per riparare i tessuti le cui cellule muoiono? Secondo voi gli organi sono fatti di metallo o di cellule che muoiono e devono essere regenerate? E chi le rigenera? I vostri farmaci e le vostre litanie?


Invece di far sentire la gente sempre in balia di patologie, sarebbe il caso di tirare finalmente fuori altri studi più che consacrati, come:

*** quelli illuminanti della epigenetica, che evidenziano come il codice genetico sìa influenzato dall'ambiente

*** quelli della straordinaria psiconeuroendocrinoimmunologia (PNEI), che dimostrano, con dati di fatto, che quelli che vengono definiti sistemi si influenzano l'uno con l'altro molto più di quanto si immagini. I linfociti producono neurotrasmettitori e addirittura TSH. Inoltre i bambini maturano la regolazione del sistema immunitario intorno ai 3-4 anni. Quindi 22 somministrazioni nei primi 15 mesi sono una picconata proprio sulle capacità immunitarie e sul sistema nervoso (vedi effetti del cortisolo)...

*** quelli che correlano la determinante psicologia sociale allo stress e alle sue conseguenze sulle disfunzioni immunitarie e le malattie organiche...
*** quelli seri sulla nutrizione, che dimostrano che è quel che manca negli apporti nutritivi, in determinati momenti del giorno, a far ammalare e ingrassare, e non ciò che sembra di troppo, e quindi che è fondamentale saper valutare quali sono i reali fabbisogni nutritivi ed energetici dell'individuo per la sua massima resa psicofisica...

Ecco... se si tenessero in considerazione altri aspetti e altre conoscenze, l'organismo e la cultura salirebbero molto, ma molto di livello...
Si consiglia, dunque, di non offendere chi sta cercando di cominciare a ragionare, altrimenti la vostra missione per cui avreste giurato è fallita. 

La vostra arroganza, fatta di imposizioni senza spiegazioni e senza una logica di evolutiva divulgazione di vera cultura del Se', non è più tollerabile, soprattutto se finalmente qualcuno comincia a svegliarsi e si fa un po' i conti su quante volte ha brancolato nel buio a causa delle vostre maniere, sfociate in mere prescrizioni farmaceutiche da aridi e spesso infruttuosi protocolli, i quali non fanno Cultura e Conoscenza, ma si arrampicano su ricerche e statistiche che al 95 % sono finanziate dalle case farmaceutiche.

Ma la gente non è più tanto stupida come credete, e merita più rispetto, così come meriterebbe più rispetto e crescita la vostra professione, la quale languirà, stagnante nelle sabbie mobili degli interessi materiali, anziché elevarsi per quelle che erano le primordiali e sane aspettative umane.

Nessun commento:

Posta un commento