Dr. Giovanni Moscarella - Nutrizionista - Napoli - www.nutrirsi.net

lunedì 31 luglio 2017

LA LOGICA FA A CAZZOTTI COI VACCINI OBBLIGATORI


Siamo seri e focalizziamo la realtà. Tante malattie sono state debellate o tenute sotto controllo dopo la seconda guerra mondiale perché l'organismo è stato reso più forte dalla MAGGIORE DISPONIBILITÀ DI CIBO, il quale ha avuto anche più controllo anche mediante la MIGLIORE CONSERVAZIONE DEGLI ALIMENTI, perché sono stati SCOPERTI GLI ANTIBIOTICI, perché i germi si sono diffusi di meno grazie alla DISPONIBILITA' DI ACQUA CORRENTE, ALLA COSTRUZIONE DI SERVIZI IGIENICI E DI RETI FOGNARIE. L'ultima ondata di logiche e corrette vaccinazioni ha poi dato probabilmente la pennellata finale a un QUADRO FISIOLOGICO CHE NEI PAESI "CIVILI" È NETTAMENTE SOTTO CONTROLLO. 

Per cui le 10 VACCINAZIONI OBBLIGATORIE NON HANNO ALCUN MOTIVO DI ESSERE IMPOSTE, a prescindere se i vaccini fanno bene o male, SE NON PER INTERESSI DEVIANTI, i cui fini assumono tratti inquietanti e STANNO STRESSANDO LA MEZZA ITALIA CHE ANCORA RAGIONA, soprattutto se consideriamo che il sistema immunitario e le sue capacità di autoregolazione, con a capo il cortisolo, maturano a 3-4 anni, per cui stressare un organismo nel primo anno di vita con 10 segnali di allerta non sembra proprio il caso, pena una riduzione sicura dei potenziali psico-fisici che renderanno più cagionevole e meno reattivo l'individuo. 
Da rilevare che in Giappone da quando le vaccinazioni vengono effettuate dopo il secondo anno di vita si è avuta una riduzione di casi avversi dell'80%.

Seri studi dimostrano con grafici inoppugnabili che le malattie infettive sono già in costante calo addirittura dal 1800. Inoltre, la Psiconeuroendocrinoimmunologia, l'Epigenetica e la vera Scienza dell'Alimentazione ci illuminano sul fatto che IL VERO VACCINO E' NELLA CULTURA E NELLA CONOSCENZA CONCRETA DEI FABBISOGNI NUTRITIVI NELLE ORE DI MASSIMA LUCE, E NON IN UNA SIRINGA.


Nessun commento:

Posta un commento